Commercioetico
SessoSublime
Clinicaverde
Cacaonline
AmoreAmore
JacopoFo
Networketico

info@alcatraz.it

Alloggi
Ristorante
Lo spirito
Yoga Demenziale
Gite didattiche e corsi

Laboratorio Creativo

ad Alcatraz

con Jacopo Fo e Eleonora Albanese
"Oggi una sola cosa mi sembra importante: risvegliare il desiderio verso il lavoro creativo, renderlo un’abitudine e insegnare a superare le difficoltà, che sono nulla a paragone di questo obiettivo per il quale si lotta."
Friedl Dikers-Brandeis mentre era internata nel campo di sterminio di Therensiestadt, dove insegnava a disegnare ai bambini prigionieri.
L’arte è l’unica forza in grado di dare speranza all’umanità.
Abbiamo visto la gente uccidere bambini per scopi politici, economici, religiosi.
Nessuno mai ha ucciso per motivi artistici.
Questa evidenza suggella la superiorità dell’arte.
L’arte si nutre di sensibilità per la vita ed esclude quindi naturalmente la crudeltà.
L’arte è la materializzazione dell’amore.
L’arte è una comunicazione verso gli altri e quindi intrinsecamente solidale.
Generalmente infatti l’artista preferisce che chi fruisce della sua arte sia vivo e, possibilmente, in stato di benessere, in quanto chi ha fame manca di quella rilassatezza psicologica che permette di perdersi nella contemplazione.
Il Movimento per la difesa Artistica dell’Umanità proclama il diritto inalienabile di tutti gli esseri umani alla creazione artistica.
Il lavoro creativo non è un’esigenza limitata ad una categoria di addetti ai lavori ma un bisogno primario dell’individuo.
Oggi l’Umanità possiede le tecnologie che potrebbero trasformare questo pianeta in un luogo meraviglioso dove tutte le persone possono vivere in pace e abbondanza, servite da mirabolanti marchingegni elettromeccanici.
E sono state realizzate centinaia di esperienze sociali vincenti nei campi della cultura, della solidarietà, della condivisione delle risorse.
L’Umanità è tecnicamente e socialmente matura per iniziare a vivere diversamente.
E’ possibile che succeda ma non succede perché le persone soffrono di una spaventosa deprivazione culturale, emotiva, etica.
Solo una colossale esplosione di creatività artistica potrà muovere le coscienze e i sensi anestetizzati dei miliardi di zombi che vivono con meno di un’emozione al giorno.
Programma d’azione immediato
L’azione creativa è prima di tutto un atto individuale nel quale le persone esprimono insieme creatività e professionalità nel dare corpo alla fantasia. Crediamo che la creazione individuale trovi però il suo coronamento nella sinergia con altri atti creativi. Quindi speriamo che nei prossimi anni si sviluppi ogni sorta di esperimento artistico individuale e collettivo.
Muovendoci in questa direzione mettiamo a disposizione le nostre risorse e offriamo la possibilità di connettersi con la costruzione di un Parco Fantastico (dieci cento mille parchi fantastici), un luogo dove le persone possano sperimentare un altro livello di passione artistica.
Lo spazio che vogliamo trasformare in una istallazione fantastica è dieci ettari di boschi, pascoli e torrenti dove ognuno potrà creare le proprie istallazioni.
Daremo così vita a percorsi poetici con testi incisi nelle pietre, sculture, plastici, piste per le biglie, alberi addobbati, strumenti sonori a vento, giochi di specchi e quant’altro la fantasia avrà la magnificenza di ispirare.


HoMePaGe AlcatRAz.it
C@C@O Iscriviti alle mailing-list
torna in testa alla pagina